Come Essiccare le Ortensie

Se apprezzi molto arredare la tua casa in modo da renderla personale ed originale e non sai come fare, allora in questo caso ti consiglio vivamente di consultare la mia guida all’interno della quale ti darò dei validi consigli per poter essiccare le ortensie.

Innanzitutto, devi sapere che per raccogliere le ortensie e farle essiccare la stagione migliore è l’autunno. Mi raccomando, inevitabilmente dopo aver raccolto i fiori il colore inizia a sbiadirsi, in questo caso ti consiglio di raccogliere e far seccare quelle bianche, perché non si modificano molto, rispetto a quelle viola/blu. Se vuoi modificare il colore delle orchidee, ti consiglio di aggiungere nel vaso dove metti i fiori, un bicchierino di vino rosso.

Quando noti però che il colore inizia a perdere brillantezza e i piccoli fiorellini tendono verso il basso, è arrivato il momento giusto per procedere con l’essiccazione. In questo caso, dovrai tagliare un centimetro lo stelo che hai precedentemente reciso. Dopo aver fatto questo, dovrai prendere uno spago, e legare insieme il mazzolino di ortensie. Ti consiglio di utilizzare un elastico oppure un semplice laccio, perché durante l’essiccamento il fiore perde volume e potrebbe non essere abbastanza stretto.

Mi raccomando, dovrai appendere i fiori in un luogo chiuso, buio e asciutto per qualche mese. Potresti anche lasciarle in un vaso con poca acqua, fino a quando le ortensie non seccheranno in modo naturale. Molti consigliano di far così, perché si tratta di un fiore abbastanza delicato. Dopo aver fatto essiccare il fiore, dovrai semplicemente prendere un bel vaso e creare la tua composizione.